Cane massacrato con la balestra, assolto il militare accusato dell’uccisione di Nuvola

Viterbo – (sil.co.) – Cane massacrato con la balestra, assolto il militare accusato dell’uccisione di Nuvola. In base all’articolo 530 secondo comma. Per insufficienza di prove. L’accusa, lo scorso 17 dicembre, ha chiesto che venisse condannato a un anno e mezzo. 

“Chi è entrato lo ha fatto appositamente per uccidere il cane”, ha sottolineato la pm Paola Conti. L’imputato è difeso dall’avvocato Giovanni Tripodi del foro di Roma. 

Fra 90 giorni il giudice Giacomo Autizi depositerà le motivazioni della sentenza. Ma, anche volendo, non dovrebbero esserci più i tempi per fare appello. A distanza di quasi otto anni sul caso incombe la scure della prescrizione.

“Chi è stato? C’è una sola risposta: la sola persona cui i cani davano fastidio in tutto il circondario. Uno che sapeva bene cosa fosse una punta da caccia con quattro lame. L’imputato, che è un maresciallo della Folgore, appartiene a un corpo speciale, le cui truppe sono speciali e fanno specifici addestramenti”, ha detto la pm, chiedendo una condanna a un anno e sei mesi di reclusione con sospensione della pena e quattro mesi di arresto per violazione di domicilio per il militare 49enne di Fabrica di Roma che il 26 maggio 2013, secondo la procura della repubblica di Viterbo, avrebbe ammazzato Nuvola, una maremmana adottata da una coppia di vicini di casa animalisti che in giardino ospitavano spesso anche altri cani. 

“Nessuno degli altri vicini di casa dei proprietari di Nuvola si era mai lamentato dei cani, tranne l’imputato. Secondo lui abbaiavano troppo, secondo gli altri vicini come tutti i cani. Ed è da escludere l’ipotesi di un ladro che si è spaventato trovandosi davanti un cane. I ladri non vanno in giro a rubare armati di balestre da caccia coi dardi quadrangolari clandestini  comprati su internet”, ha proseguito il pubblico ministero.

Tre le parti civili assistite dagli avvocati Anna Paradiso, Giacomo Barelli e Dominga Martines: sono il proprietario, Franco Crestoni, 75 anni, anche a nome della moglie nel frattempo deceduta; l’Enpa, nella persona della legale rappresentante Carla Rocchi; l’associazione animalista, Incrociamo le zampe onlus, con la presidente Rita Storri.

Il pubblico ministero ha sottolineato come secondo il perito della procura, l’esperto di balistica forense Martino Farneti, ci sia piena compatibilità tra le frecce trovate sul posto e quelle che hanno trafitto l’animale. “Peraltro dardi clandestini, di forma non triangolare ma quadrangolare, che non si trovano sul mercato perché vietati in Italia”, ha sottolineato. 

Nuvola è morta di una morte atroce. “E’ morta nella sua cuccia, con le visceri di fuori dopo essere stata trapassata da parte a parte.  La freccia ha lacerato perfino il cuscino e la cuccia di plastica dove si era rifugiata. Si è tentato di dire che è Nuvola è stata presa a picconate, ma del piccone non è stata trovata traccia, dei dardi sì”, ha sottolineato la pm.

Pubblicato da Tuscia Web: http://www.tusciaweb.eu/2021/01/cane-massacrato-la-balestra-assolto-militare-accusato-delluccisione-nuvola/

0 0 voti
Valutazione dell'articolo
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti